La nostra storia

Scopri la storia di Palazzo Amici, storico immobile sito in Piazza della Libertà a Macerata, che ora ospita il nostro Ristorante Centrale…

  Nel 1462 Amico Amici già possedeva una porzione del palazzo in Piazza dell Libertà. Nel 1470 chiese ed ottenne dal Comune di Macerata la cessione del vicolo adiacente, con l’intento di ampliare l’edificio e successive acquisizioni e costruzioni si ebbero nel corso di tutto il XVI secolo.  

Nel 1750 Paolina Amici in Conventati vendette al conte Paris Pallotta il corpo principale del palazzo che pochi anni dopo venne fatto restaurare da mons. Guglielmo Pallotta, il quale fece anche decorare alcune stanze da pittori appartenenti alla scuola maceratese dell’epoca. Le decorazioni a grottesche dei soffitti del piano terra sono attribuite a Costanzo Alberti ed è possibile ancora ammirarle entrando nel Ristorante Centrale.

Le spettacolari (ed originali) pitture presenti sui soffitti delle sale del Ristorante Centrale creano una trama narrativa di grottesche e stilemi pompeiani, con riferimenti mitologici al carro del Sole, al ratto di Proserpina e al mito di Leda e il cigno.
 
Il palazzo fu saccheggiato dai francesi nel luglio 1799. Dopo la restaurazione ottocentesca, nel palazzo ebbe sede il Comando Superiore delle Marche e Legazioni di Urbino nonché gli uffici del IV battaglione di linea dell’esercito pontificio.
 
Dal 1846 al 1870 nell’edificio ebbe sede della Cassa di Risparmio, mentre dal 1863 al 1894 vi si insediò anche la Camera del Commercio.
 
Nel 1894 la contessa Pallotta cede parte dei locali adiacenti al corpo centrale alla signora Adele Palmarini che il 25 ottobre vi inaugurò l’Albergo Centrale (sic!).
 
Nel mese di aprile 1903 l’Albergo Centrale fu trasferito nei locali dell’attuale pinacoteca e fu sostituito dall’Albergo Europa di Cesare Bartolini.
E’ il 2 febbraio del 1911 che Maddalena Pallotta Falconi cedette l’edificio all’ing. Ignazio Calcaterra. Nella seconda metà del sec. XX l’albergo venne denominato Grande Italia.
 
Inizi qui la storia recente, che ancora tanti maceratesi ricordano: dalla fine del XX seolo i locali dell’ex albergo sono stati utilizzati dall’Università di Macerata per la Segreteria studenti, successivamente da un negozio di abiti e dal 2019 è possibile visitare questo incantevole palazzo storico assaporando anche le delizie del nostro chef.
Vi aspettiamo!